Knack: la Playstation 4 NON ha la sua mascotte


knack

Knack poteva essere la mascotte della Playstation 4. Ogni console, specie se di recente uscita, ha bisogno di una mascottene ha bisogno. Un po’ per caratterizzarsi, un po’ per beneficiare di una killer application. Da questo punto di vista, la disponibilità di un platform già all’esordio per la next-gen di Sony aveva fatto ben sperare.

Si tratta di un’occasione sprecata: Knack è un pessimo gioco.

Lo dimostrano i voti che, mediamente, la critica gli ha assegnato. Si va dal 4 di Spaziogams al 6 di Multiplayer.it ma la media non supera il 5,5. Knack è noioso, ripetitivo, banale, semplicistico e per nulla userfriendly. Ecco gli aspetti critici analizzati uno per uno.

Grafica. La sensazione è che il gioco possa girare anche su Playstation 3, se solo si abbassasse la risoluzione e il numero degli fps scendesse a 30. A dispiacere è però il level design: incredibilmente poco inspirato, vuoto, scialbo. La varietà è ridotta all’osso. Ogni livello è strutturato in modo identico: corridoio, piazzola, corridoio.

Gameplay. In Knack non si fa altro che uccidere nemici, che tra le altre cose si comportano sempre allo stesso modo. Nessun puzzle, poche piattaforme. Si va avanti e basta. Eppure i presupposti erano buoni: il protagonista può assorbire gli oggetti e diventare più grande. Peccato che questa abilità sia abbinata a situazoni monotone e ripetitive.

Orientamento. Ok, Knack è semplice. Molti obietteranno: ma è un gioco per bambini! In effetti, la palette di colori e le sembianze dei personaggi potrebbero far pensare a questo. Ma ci si sbaglia. Knack non è solo un titolo brutto, è anche assai difficile. Basta un non nulla per morire, di certo non è adatto a un pubblico di bambini. Dunque non è né carne né pesce. La longevità, almeno quella, è decente (una dozzina di ore), ma ha un tasso di rigiocabilità praticamente nullo.



Nessun commento »

Non ci sono ancora commenti.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA
*