Maker Faire, grande successo della fiera “nerd” di Roma


Maker Faire

Ottimi i numeri raccolti da Maker Faire, prima edizione della fiera tecnologica di Roma, tenutosi nella Capitale dal 4 al 6 ottobre. Una fiera non come le altre, visto che protagonisti sono stati i tanti “archimede” d’Italia – e anche di fuori – tanto ingegnosi da creare invenzioni tecnologiche in grado di poter cambiare, potenzialmente, la vita delle persone.

Maker Faire ha registrato oltre 30mila visitatori, centinaia di workshop, decine di mini-lezioni per i più piccoli, oltre 3000 invenzioni esposte. La folla è stata quanto mai variegata: non solo italiani ma anche stranieri, tra cui una certa quota di extraeuropei. Comunque tutti entusiasti e curiosi delle tante innovazioni presentate intre giorni di fiera.

Ad attirare così tante persone, e a sostanziare un successo che è a tutti gli effetti evidentissimo, anche alcune iniziative che hanno coinvolto in prima persona il pubblico. Qualche migliaio di persone, infatti, sono state scansionate da un macchinario particolare e avranno la possibilità di diventare “statue in 3d”. Merito, ovviamente, della stampante tridimensionale che, siamo sicuri, tra non molto andrà oltre il semplice stato di attrazione turistica.

Massimo Banzi, una delle personalità più importante presenti al Maker Faire, creatore della stampante 3d Arduino, ha dichiarato: “È davvero incredibile questo successo se pensiamo che alla prima Maker Faire newyorkese c’erano 35.000 persone. Sono stati davvero 4 giorni intensi che hanno dimostrato che c’è una parte consistente del nostro Paese pronta a fare il prossimo passo verso un nuovo futuro”.

Mentre Dale Dougherty, fondatore dei Maker Fair Usa ha dichiaratao: “Sono emozionato, questa è la più bella edizione di una Maker Faire fuori dagli Usa, posso solo dire che il movimento dei Maker parla decisamente italiano e che saremo molto lieti di proseguire questa collaborazione con gli organizzatori”.



Nessun commento »

Non ci sono ancora commenti.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Lascia un commento

Immagine CAPTCHA
*